Cosa Facciamo

ART. 1 COSTITUZIONE\r\nL’Associazione ONLUS denominata P.A.S.S.I PER IL MONDO è costituita, ai sensi dell’art. 36 c.c. e del D.Leg.vo 04.12.1997 n.460, in Selargius alla via Del Lavoro n.15.\r\nP.A.S.S.I. sta per “Prtogetto Assistenza Solidale Insieme”.\r\n\r\nART. 2 SEDE\r\nL’Associazione ha sede in Selargius alla via Del Lavoro n.15.\r\n\r\nART. 3 PRINCIPI\r\nL''Associazione si propone di sostenere e valorizzare la persona umana nella sua dimensione integrale, nel rispetto dei valori dell''intelligenza, della volontà, della coscienza e della fraternità, per la costruzione di un mondo più umano e cristiano.\r\nGli associati ispirano perciò ed esplicitano le azioni del proprio operare di utilità sociale per la migliore diffusione del senso della giustizia, dell''amore e del servizio al bene comune, per la dignità, stabilità, pace e prosperità di tutta la società umana e dell''ambiente in cui vive.\r\n\r\nART. 4 SCOPI\r\nL’Associazionesenza fine di lucro – ha lo scopo di promuovere il recupero ad una vita dignitosa, materiale, spirituale e culturale di ogni povero nel mondo attraverso molteplici attività che verranno svolte nel rispetto dei principi di cui all’art. 3 che precede.\r\nL''Associazione si propone di sostenere e di favorire l’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale.\r\nL''Associazione intende realizzare attività a favore di tutte le persone bisognose del mondo attraverso i seguenti settori: assistenza sociale e socio-sanitaria, assistenza sanitaria, beneficenza, istruzione, formazione, promozione della cultura e dell’arte e tutela dei diritti civili.\r\nL’Associazione s’impegna per l’erogazione di prestazioni sociali e l’attuazione di progetti-obiettivo, centrati sul sostegno a tutte le persone bisognose del mondo con il divieto di distribuire, anche in modo indiretto ai soci ed a qualunque altro, utili e avanzi di gestione nonchè fondi, riserve o capitale durante la vita dell’organizzazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre ONLUS che per legge, statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura.\r\nL’Associazione intende operare come cristiana entità, parte della comunità unitaria del mondo intero, quale città terrena, famiglia dei figli di Dio, caratterizzata dall''amorevole cooperazione di tutti i suoi membri.*\r\nL''Associazione non ha scopo di lucro, non ha alcun carattere politico, partitico e mantiene assoluta indipendenza ed autonomia da istituzioni pubbliche, gruppi politici, ideologici, imprenditoriali, sindacali o di potere economico.\r\nL’Associazione gestisce da sola o in collaborazione con altre istituzioni ed associazioni, servizi formativi ed informativi di sostegno di tutte le persone bisognose del mondo, anche attraverso l''attivazione di uno sportello di mutuo-aiuto.\r\nL''Associazione potrà reperire strutture e fondi pubblici e privati per la realizzazione degli scopi sociali; potrà organizzare convegni, seminari, forum ed incontri per l''informazione, la sensibilizzazione e l''attuazione anche di progetti-obiettivo e realizzare protocolli d''intesa con enti privati e pubblici per il perseguimento delle proprie finalità.\r\nL''Associazione si propone infine di condurre attività di informazione collettiva per mezzo di pubblicazioni periodiche e non periodiche.\r\nL''Associazione può svolgere qualunque attività, direttamente o indirettamente, attinente allo scopo sociale e si obbliga all’uso, nella denominazione ed in qualsivoglia segno distintivo o comunicazione rivolta al pubblico, della locuzione “organizzazione non lucrativa di utilità sociale” o dell’acronimo “ONLUS”.\r\nLe esclusive finalità di solidarietà sociale proprie dell’Associazione realizzate anche con cessioni di beni e le prestazioni di servizi relative alle attività statutarie nei settori dell’assistenza sanitaria, dell’istruzione, della formazione, della promozione della cultura e dell’arte e della tutela dei diritti non possono essere rese nei confronti di soci, associati o partecipanti, ma sono solo dirette ad arrecare benefici a:\r\na) persone svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari;\r\nb) componenti collettività estere, limitatamente agli aiuti umanitari.\r\nL’Associazione potrà svolgere attività di beneficenza di cui sopra, anche con la concessione di erogazioni gratuite in denaro con utilizzo di somme provenienti dalla gestione patrimoniale o da donazioni appositamente raccolte, a favore di enti senza scopo di lucro che operano prevalentemente nei settori dell’assistenza sociale e socio-sanitaria.\r\nLe finalità di solidarietà sociale s’intendono realizzate anche quando tra i beneficiari della attività statutarie dell’organizzazione vi siano i propri soci, associati o partecipanti, se costoro si trovano nelle condizioni di svantaggio di cui alla lettera a) che precede.\r\nSi considerano direttamente connesse a quelle istituzionali le attività statutarie di assistenza sanitaria, istruzione, formazione, promozione della cultura e dell’arte e tutela dei diritti civili, di cui sopra, svolte in assenza delle condizioni previste ai capi a) e b) che precedono, nonchè le attività accessorie per natura a quelle statutarie istituzionali, in quanto integrative delle stesse. L’esercizio delle attività connesse è consentito a condizione che, in ciascun esercizio e nell’ambito di ciascuno dei predetti settori, le stesse non siano prevalenti rispetto a quelle istituzionali e che i relativi proventi non superino il 66 per cento delle spese complessive dell’organizzazione.\r\n\r\nCfr. Concilio Vaticano II, Gaudium et spes.\r\n\r\nART. 5 PATRIMONIO\r\nIl patrimonio dell’Associazione è costituito:\r\n- dalle quote associative,\r\n- dai beni mobili ed immobili di proprietà dell’ Associazione,\r\n- da contributi, erogazioni e donazioni manuali,\r\n- da ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale.\r\nL’Associazione assume l’obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse e l’obbligo di devolvere il patrimonio dell’organizzazione, in caso di suo scioglimento per qualunque causa, ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n.662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.\r\nL’Associazione si obbliga a non effettuare cessioni di beni e le prestazioni di servizi a soci, associati, o partecipanti, ai fondatori, ai componenti gli organi amministrativi e di controllo, a coloro che a qualsiasi titolo operino per l’organizzazione o ne facciano parte, ai soggetti che effettuano erogazioni liberali a favore dell’organizzazione, ai loro parenti entro il terzo grado ed ai loro affini entro il secondo grado, nonchè alle società da questi direttamente o indirettamente controllate o collegate, effettuate a condizioni più favorevoli in ragione della loro qualità.\r\nL’Associazione si obbliga a non effettuare l’acquisto di beni o servizi per corrispettivi che, senza valide ragioni economiche, siano superiori al loro valore normale.\r\nL’Associazione si obbliga a non effettuare la corresponsione ai componenti gli organi amministrativi e di controllo di emolumenti individuali annui superiori al compenso massimo previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1994, n.645, e dal decreto-legge 21 giugno 1995, n.239, convertito dalla legge 3 agosto 1995, n.336, e successive modificazioni e integrazioni, per il presidente del collegio sindacale della società per azioni.\r\nL’Associazione si obbliga a non effettuare la corresponsione a soggetti diversi dalle banche e dagli intermediari finanziari autorizzati, di interessi passivi, in dipendenza di prestiti di ogni specie, superiori di 4 punti al tasso ufficiale di sconto.\r\nL’Associazione si obbliga a non effettuare la corresponsione ai lavoratori dipendenti di salari o stipendi superiori del 20 per cento rispetto a quelli previsti dai contratti collettivi di lavoro per le medesime qualifiche.\r\n\r\nART. 6 ESERCIZI\r\nL’esercizio finanziario si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Entro novanta giorni dalla fine di ogni esercizio, verranno predisposti, dal Consiglio Direttivo, il bilancio consuntivo e quello preventivo del successivo esercizio.\r\n\r\nART. 7 SOCI\r\nLa qualità di associati viene assunta previa domanda di ammissione che sarà accettata dal Consiglio Direttivo. All’atto dell’ammissione, dovrà essere versata la quota di iscrizione e la quota associativa, che verrà, annualmente, stabilita dal Consiglio Direttivo.\r\nGli associati si distinguono in quattro categorie:\r\na)-SOCI  FONDATORI\r\nb)-SOCI  ORDINARI\r\nc)-SOCI  SOSTENITORI\r\nd)-SOCI ONORARI\r\nSono soci fondatori, coloro che hanno contribuito alla costituzione dell’Associazione.\r\nA detta categoria competono tutti i diritti derivanti dal vincolo con l’Associazione, primo tra tutti il diritto di voto alle assemblee indette dall’Associazione stessa. Sono soci ordinari con diritto di voto coloro che si impegnano a versare una quota annua, il cui ammontare sarà fissato dal Consiglio Direttivo. Sono soci sostenitori con diritto di voto coloro che si impegnano a versare all’Associazione, oltre la quota annuale, un contributo minimo che verrà determinato annualmente dal Consiglio Direttivo, una volta che quest’ultimo ne avrà accolto la domanda di ammissione. Sono soci onorari senza diritto di voto e senza obbligo di pagamento della quota sociale coloro che si sono distinti per attività svolte in conformità agli scopi ed ai principi di cui agli artt.3 e 4 che precedono.\r\n\r\nART. 8 DIRITTI ED OBBLIGHI DEGLI ASSOCIATI\r\nL’Associazione disciplina e regola uniformemente il rapporto associativo e le modalità associative affinchè siano volte a garantire l’effettività del rapporto medesimo, escludendo espressamente la temporaneità della partecipazione alla vita associativa e prevedendo per gli associati o partecipanti maggiori d’età il diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione.\r\nGli associati hanno diritto di partecipare all’attività sociale.\r\nIl Consiglio Direttivo può stabilire, in occasione delle singole manifestazioni ed iniziative, particolari condizioni a favore degli associati.\r\nGli associati sono obbligati al versamento delle quote di iscrizione e della quota di  Associazione, annualmente determinata dal Consiglio. Tutti gli associati senza alcuna distinzione, e secondo le modalità indicate dal Consiglio, sono obbligati ad osservare le norme dello statuto, dell’eventuale regolamento interno e le deliberazioni legalmente adottate dagli organi sociali.\r\n\r\nART. 9 CESSAZIONE DEL RAPPORTO ASSOCIATIVO\r\nLa qualità di associato si perde per decesso, dimissioni, per morosità di almeno due annualità e per esclusione. La morosità viene dichiarata dal Consiglio Direttivo; la esclusione viene deliberata dall’assemblea degli associati nei casi di legge e nei confronti di chi:\r\na)-non osserva le disposizioni dello statuto, del regolamento interno, nonché le deliberazioni dell’assemblea o del Consiglio Direttivo legalmente assunte;\r\nb)-in qualunque modo danneggia moralmente o materialmente l’Associazione o fomenta dissidi e disordini tra gli associati;\r\nc)-senza giustificato motivo non adempie agli obblighi a qualsiasi titolo presi nei confronti dell’Associazione.\r\nGli associati che non avranno presentato, per iscritto, le proprie dimissioni entro il 30 ottobre di ogni anno, saranno considerati soci anche per l’anno successivo ed obbligati al versamento della quota annuale di associazione.\r\nL’associato che recede tuttavia resta responsabile per le obbligazioni da lui eventualmente assunte, nei confronti dell’Associazione, fino alla data del recesso.\r\nL’associato che per qualunque motivo cessi di appartenere all’Associazione, non avrà diritto al rimborso delle quote associative versate e non potrà avanzare pretesa alcuna sul patrimonio sociale.\r\n\r\nART.10 ORGANI\r\nSono organi dell’ Associazione:\r\na)-L’Assemblea degli associati; b)-Il Presidente; c)- Il Consiglio Direttivo; d)- Il Direttore; e)-Il Collegio dei Probiviri; f)-Il Collegio dei revisori dei Conti.\r\n\r\nART. 11 ASSEMBLEA DEI SOCI\r\nL’assemblea è composta da tutti gli associati (fondatori, ordinari, sostenitori e onorari), in regola con il versamento delle quote associative, con parità di voto., fatta eccezione per i soci onorari.\r\nLe assemblee, ordinarie e straordinarie, sono tenute, di regola, presso la sede sociale, salvo diversa determinazione del Consiglio Direttivo, che può fissare un luogo diverso, purchè sito nel territorio dello Stato italiano.\r\nLa convocazione dell’assemblea dei soci deve avvenire per avviso scritto, da inviarsi ai soci stessi nel domicilio risultante dal libro sociale da consegnarsi a mano dietro rilascio di specifica ricevuta da parte dei medesimi o via e-mail certificata o a mezzo fax o con esito di ricevimento ed in difformità con racc.a.r., con la precisazione dell’o.d.g., almeno 10 giorni prima della data stabilita.\r\nL’assemblea può essere ordinaria e straordinaria. L’assemblea ordinaria deve tenersi:        1) Ogni anno, entro il 30 aprile, per deliberare sui bilanci preventivo e consuntivo predisposti dal C.D.. Delibera infine sugli altri argomenti posti all’ordine del giorno.\r\n2) Ogni tre anni, non oltre il 30 aprile, per eleggere con votazioni separate e successive tutti gli organi istituzionali dell’Associazione, oltre a quanto previsto sub 1).\r\nL’assemblea straordinaria ha luogo ogni qualvolta il C.D. lo ritenga opportuno, ovvero su richiesta motivata e scritta di almeno 2/3 di tutti i soci aventi diritto di voto. In tale ipotesi l’assemblea dovrà essere indetta non oltre i 30 gg. dalla richiesta. Dovrà altresì essere tenuta, negli stessi termini di cui al precedente comma, in caso di cessazione dalla carica del Presidente e/o del Direttore, per qualsiasi motivo, ovvero per dimissioni o decadenze della metà dei componenti del C.D.. L’assemblea straordinaria è competente a deliberare sulle proposte di modifiche al presente statuto con la maggioranza dei soci presenti, che rappresentino almeno 1/3 di tutti i soci aventi diritto di voto.\r\n\r\nART.12 VALIDITA’DELL’ASSEMBLEA     \r\nL’assemblea è validamente costituita e delibera con le maggioranze previste  dall’art.  21 c.c.. In tutti i casi di votazione non sono consentite deleghe.\r\nLe deliberazioni sono prese a maggioranza semplice, tranne i casi per i quali il presente statuto richieda maggioranze diverse.\r\nL’assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o, in mancanza dal Vice Presidente. In mancanza di entrambi, l’assemblea nomina un Presidente tra i presenti. L’assemblea nomina un segretario e, se lo ritiene necessario, due scrutatori.\r\nSpetta al Presidente dell’assemblea di constatare la regolarità dell'' iscrizione dei soci ed in genere il diritto di intervento all’assemblea.\r\nLe deliberazioni dell’assemblea devono risultare da verbale firmato dal Presidente, dal segretario ed, eventualmente, dagli scrutatori. E’ stabilita la predisposizione di un libro dei verbali delle assemblee.\r\nPer le elezioni alle cariche sociali è obbligatorio votare a scheda segreta.\r\nNegli altri casi  -salvo diverso avviso dell’assemblea- si vota per appello nominale, o per alzata di mano e controprova.\r\n\r\nART. 13 IL CONSIGLIO DIRETTIVO\r\nL’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto dal Presidente e da un numero di sei membri eletti dall’Assemblea, tra i soci di cui alle categorie A), B) e C) dell''art. 6, a maggioranza di voti.\r\nIl C.D. dura in carica tre anni e può essere riconfermato per non più di un altro triennio consecutivo.\r\nIl C.D., nella sua prima riunione, nomina il Direttore e tra i suoi membri il Vicepresidente ed il Tesoriere.\r\nIl Vicepresidente ha la funzione di presidenza in assenza o impedimento della stessa.\r\nIl Direttore coordina l’attività sociale e/o di studio, con particolare attenzione per la cura dell’indirizzo spirituale dell’Associazione.\r\nIl Tesoriere sovraintende alla contabilità, si incarica della riscossione delle entrate e della tenuta dei libri. Provvede alla conservazione delle attività sociali ed alle spese, da pagarsi su mandato della Presidenza o di chi ne fa le veci.\r\nIl Presidente dà esecuzioni alle deliberazioni del C.D., provvede al generale andamento dell’Associazione e collabora con il Direttore nell’attuazione del programma sociale.\r\nIl segretario redige i verbali delle riunioni e provvede alle comunicazioni e convocazioni.\r\nIl Consiglio si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario, o che ne sia fatta richiesta da tre dei suoi membri e comunque almeno due volte all’anno, per deliberare in ordine al consuntivo ed al preventivo, al programma sociale ed all’ammontare della quota di iscrizione e della quota associativa.\r\nLe riunioni del C.D. sono presiedute dal Presidente ed, in sua assenza, dal Vicepresidente.\r\nPer la validità delle deliberazioni del C.D. occorre la presenza di almeno cinque membri (compreso il Presidente o chi ne fa le veci) ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti.\r\nDelle deliberazioni del Consiglio, sarà redatto apposito processo verbale, che verrà sottoscritto dal Presidente e dal segretario.\r\nIl Consiglio è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria, senza limitazioni.\r\nSono compiti del C.D.:\r\n1) Esaminare le domande di ammissione dei soci, valutando ed assegnandoli alle singole categorie ed accettare le dimissioni degli stessi.\r\n2) Compilare il bilancio preventivo e consuntivo, le eventuali variazioni allo stesso, da sottoporre all’approvazione dell’assemblea, curare gli affari d’ordine amministrativo.\r\n3) Redigere il programma dell’Associazione che sarà sottoposto all’approvazione dell’assemblea.\r\n4) Nominare eventuali delegati a varie attività e compiti, che potranno essere scelti anche al di fuori del C.D.; in tal caso essi, su invito dello stesso C.D., potranno essere invitati partecipare alle riunioni del C.D. con funzione consultiva.\r\n5) Stabilire le date delle assemblee ordinarie e convocare quelle straordinarie quando lo reputi necessario o ne venga fatta richiesta dai soci ai sensi dell’art. 10.\r\n6) Provvedere alla compilazione delle norme di funzionamento della sede sociale e degli eventuali regolamenti interni.\r\n7) Prevedere l’eventuale creazione di ambiti e/o di sezioni di attività di studio e/o sociale ed individuarne i rispettivi responsabili e componenti.\r\n\r\nART. 14 IL  PRESIDENTE\r\nIl Presidente, a norma dello statuto sociale, rappresenta legalmente l’ Associazione e ne ha la firma sociale, dura in carica tre anni e può essere riconfermato per non più di un triennio e quindi per una durata massima di sei anni.\r\nIl Presidente è tenuto ad attuare il programma sociale in piena collaborazione e sintonia con il Direttore.\r\nIL Presidente ed il C.D. sono responsabili del buon andamento finanziario e rispondono in proprio delle eventuali spese straordinarie non preventivate nel bilancio o non approvate successivamente con variazioni allo stesso.\r\nPer le obbligazioni sociali rispondono personalmente e solidalmente verso i terzi il Presidente ed il C.D.\r\nGli altri soci, per patto espresso, non assumono tale obbligo.\r\nNei casi di assenza o impedimento temporaneo le funzioni del Presidente saranno assunte dal Vicepresidente.\r\nAssenze non giustificate o impedimenti per periodi continuativi superiori a 6 mesi, si considerano definitivi e, di conseguenza, dovrà nominarsi un nuovo Presidente.\r\nIl Presidente può delegare –anche in via permanente- la propria firma per l’espletamento di determinati atti o per il disbrigo di pratiche soltanto al Vicepresidente.\r\nIl Presidente è eletto dall’assemblea dei soci, sulla base delle candidature presentate.\r\n\r\nArt. 15 IL DIRETTORE\r\nIl Direttore si occupa di:\r\n1-Coordinare le attività sociali e/o di studio dell’associazione in sintonia con il Presidente.\r\n2- Curare e garantire l’attuazione dell’indirizzo spirituale dell’Associazione.\r\n3- Sviluppare ed approfondire la formazione cristiana  degli associati.\r\nIn caso di sua assenza e/o impedimento temporaneo nomina il proprio sostituto.\r\n\r\nART. 16 COLLEGIO DEI PROBIVIRI\r\nL’assemblea ordinaria nomina, tra i soci, il Collegio dei Probiviri, per la durata di tre anni. Esso è composto da tre membri effettivi ed un supplente, tutti rieleggibili.\r\nIl Collegio ha funzione di amichevole composizione ed è competente a decidere delle controversie secondo le disposizioni dello statuto, del regolamento e delle altre normative in vigore. Il provvedimento adottato dovrà essere comunicato, oltre all’interessato, anche al C.D.; il dispositivo della deliberazione, dovrà essere affisso nella sede sociale. Si dovrà, in ogni caso, garantire il diritto di difesa e la contestazione scritta degli addebiti. I provvedimenti adottati dal Collegio, sono ricorribili, entro trenta giorni, dinanzi all’assemblea straordinaria, che dovrà essere, all’uopo, convocata entro 40 gg. dalla data di deposito  del ricorso al C.D.\r\n\r\nART. 17 COLLEGIO DEI REVISORI\r\nL’assemblea nomina un Collegio di revisori dei conti, composto di tre membri, che durano in carica tre anni, per il controllo della gestione economica dell’ Associazione, tutti rieleggibili.\r\n\r\nART. 18 REGOLAMENTO INTERNO\r\nL’ Associazione potrà essere regolata, oltre che dal presente statuto, da un regolamento interno, che potrà essere redatto a cura del Consiglio Direttivo e sottoposto all’approvazione dell’assemblea.\r\n\r\nART. 19 SCIOGLIMENTO\r\nLo scioglimento dell’ Associazione è deliberato dall’assemblea, la quale provvederà alla nomina di uno o più liquidatori determinandone poteri e compensi.\r\n\r\nART. 20 RINVIO\r\nPer tutto quanto non previsto, si applicano le disposizioni del codice civile art. 14 e ss. e delle altre leggi vigenti in materia.